• Telaio Tamiya TT-01 e carrozzeria S15 da allenamento

    Qualche tempo fa ho deciso di vendere il mio telaio in carbonio e alluminio (Corally RDX) per tornare a qualcosa di più “modesto” sia in termini prestazionali (forse) sia economici; la scelta è caduta sul classico ma mai vecchio TT-01, un telaio entry level prodotto dalla Tamiya, base di partenza di molti RC-Drifter che proprio con questo telaio si sono avvicinati alla disciplina.

    Venduta la RDX, ho ordinato un telaio nuovo in kit di montaggio, insieme a diversi optional che ritenevo indispensabili per colmare alcune lacune del TT-01.

    Durante il montaggio ho fatto diverse foto con l’intento di pubblicarle qui sul blog.

    Una panoramica del materiale che componeva il telaio:

    Nel dettaglio, oltre al telaio base avevo acquistato:

    • Supporto motore in metallo, indispensabile per reggere alla potenza del motore brushless che intendevo montare;
    • Tiranti sterzo regolabili, per poter variare a mio piacimento la convergenza delle ruote anteriori; nel drift si usa leggermente aperta (cosa che in una macchina reale sarebbe da pazzi! 😀 );
    • Braccetti delle sospensioni regolabili, in modo da poter variare l’assetto del telaio, molto influente nel drift;
    • Telaio superiore (upperdeck) della versione E (aggiornata) del TT-01: aumenta la rigidità del telaio e offre un supporto alle viti che fissano i rinvii dello sterzo, aumentando l’affidabilità e la precisione di guida;
    • Albero di trasmissione in metallo;
    • Kit rinvii sterzo in alluminio, in grado di ridurre fino quasi ad annullarli i “giochi” presenti sullo sterzo di serie, migliorando di molto la risposta del telaio ai comandi del pilota;
    • Ammortizzatori a olio (prelevati dai ricambi della RDX prima di venderli);

    Inoltre tutte le viti di serie (in ferro autofilettanti) sono state sostituite con viti a testa esagonale, in acciaio inossidabile e non autofilettanti, per non rovinare le sedi di plastica già dopo pochi smontaggi.

    C’è tutto…si parte con il montaggio…istruzioni da una parte e utensili dall’altra!

    Il primo a trovare posto nel telaio è il cardano centrale rosso; in generale gli optional in metallo per questo telaio hanno anodizzazione azzurra o blu, io ho voluto distinguermi un po’ scegliendo solo pezzi rossi o argento:

    Il motore però era blu, per questo l’ho carteggiato per togliere il colore e far apparire il colore dell’alluminio, prima di montarlo sul supporto in metallo:

    Ed eccolo montato sul telaio con la prima parte della trasmissione completata:

    Ho bloccato entrambi i differenziali con della colla a caldo, riempiendoli abbastanza da bloccare i meccanismi interni, ma non troppo per evitare di non riuscire poi a chiuderli una volta solidificata la colla:

    Si completa poi il retrotreno, con il differenziale in sede e i braccetti sospensioni montati:

    Quindi è il turno dell’avantreno:

    Per questioni di ingombro, ho dovuto montare gli ammortizzatori rovesciati…poco male, la testa, più pesante, rimanendo verso terra contribuirà ad abbassare il baricentro del modello:

    Il passo successivo è stato il montaggio del sistema di sterzo in metallo, questi leverismi in alluminio sono decisamente più precisi di quelli in plastica nel trasferire i comandi di direzione alle ruote, e lavorano su cuscinetti a sfera per ottenere una risposta pronta e uniforme dello sterzo.

    Siamo quasi alla fine, il servocomando dello sterzo è montato nella sua sede:

    Viene posizionato il rinforzo superiore del telaio:

    E con il montaggio del dissipatore motore, dotato di ventole per un raffreddamento ottimale, il telaio è completo!

    Ora occorre pensare alla carrozzeria…

    Avevo in casa una Silvia S15 Coppermix prodotta dalla Tamiya, tagliata e forata tempo fa ma non ancora verniciata…dato che mi serviva una scocca semplice, da allenamento, ho deciso di utilizzarla per questo scopo.

    Ho recuperato qualche bomboletta di spray nero per policarbonato (lexan) avanzata, e ho realizzato la verniciatura monocolore:
    Qualche luce a led, cerchi cromati prodotti dalla HPI con offset +6mm per portarli a filo dei parafanghi, una targa stampata in casa, un tubo per lo scarico e questo è il risultato finale:



    Per il momento è tutto…nel frattempo ho applicato al telaio una modifica in chiave countersteer, per ottenere un comportamento più realistico del modello durante la sbandata, installando un kit apposito prodotto dalla Active Hobbies, a cui ho aggiunto modifiche personali per adattare l’assetto del telaio alla nuova configurazione della trasmissione.

    Ci vediamo a Novegro!

    Stay tuned!


    8 responses to “Telaio Tamiya TT-01 e carrozzeria S15 da allenamento”


    • Claudio

      Perchè hai bloccato gli ingranaggi del differenziale con la colla a caldo? Che vantaggi ne trai?


    • tHeo

      Ho bloccato entrambi i differenziali, sia anteriore che posteriore, per ottenere la stessa trazione su tutte le ruote.
      Generalmente nel drift si blocca il posteriore e si rallenta l’anteriore con del grasso denso, io preferisco averli entrambi così perché la macchina risulta molto più fluida


    • alessandro

      ciao theo potresti dirmi dove trovo la modifica della active hobbies


    • Danilo

      ciao…..x cominciare hai fatto un lavoro stupendo ……..ti volevo kiedere dove hai trovato la centralizzazione del motore…..oppure se mi puoi rispondere al volo dove devo mettere la vite sul supporto motore per un motore 28t? grazie mille!


    • tHeo

      Ciao, i fori di montaggio del motore dipendono dal pignone che usi…nel manuale c’è uno schema con la posizione per i pignoni da 19 a 22 denti, non dipendono dalle spire del motore!


    • Antonio

      Ciao tHeo sei stato molto bravo.
      Anche io ho una tamiya tt01 che volevo vendere ma dopo aver letto e visto da te,la tengo anche io voglio driftare.
      Solo se mi dai tutte le indicazioni tu.
      Grazie Antonio.
      camicie_sart@yahoo.it


    • tHeo

      Per tutte le indicazioni ti rimando al forum di RC Drift Italia che è la community nazionale dedicata alla disciplina, lì troverai tutto quello che devi sapere!


     Lascia il tuo commento